Venerdì, Novembre 15, 2019
Pennoni & C. Sua Altezza il Pennone Pennoni in vetroresina Vs Pennoni in metallo

Pennoni porta bandiera in vetroresina Vs Pennoni porta bandiera in metallo

GENERAL STAFF ®, il pennone portabandiera in vetroresina per sostenere e valorizzare le bandiere, in virtù deli materiali con cui è costruito, fibra di vetro e poliestere, garantisce:

  • duttilità nella costruzione e rispetto delle proporzioni geometriche
  • leggerezza unita a elevata resistenza e flessibilità
  • indeteriorabilità e inattaccabilità da parte degli agenti esterni
  • stabilità del colore, brillantezza e impermeabilità delle superfici (finitura superficiale con gel coat)
  • non conducibilità

Trascurando il legno, per molto tempo in passato unico materiale utilizzato, ma oggi del tutto abbandonato, ogni eventuale confronto va fatto con i pennoni portabandiera in metallo, restringendolo ai soli pennoni metallici conici. Infatti, i pali per bandiera metallici cilindrici non sono nient’altro che semplici tubi e pertanto appartenenti ad una categoria scarsamente performante e quindi relativamente economica.

A. Pennoni porta bandiera in acciaio conici, zincati .

Il vero e proprio palo portabandiera che costituisce il pennone è presente sul mercato in due tipologie: conico continuo o rastremato a settori saldati. Entrambi sono il diretto adattamento, assai artigianale, di normali pali da illuminazione. Caratteristica comune ad entrambi è senz’altro il peso notevole (da due volte e mezzo fino a quasi quattro volte) rispetto ai pennoni in vetroresina. Poi l’installazione, col classico sistema dell’interramento diretto tramite tubo cementato nel pozzetto, che prevede sempre l’intervento di maestranze specializzate con in più spesso l’ausilio di mezzi meccanici, Quanto ad aspetto estetico (soprattutto quelli rastremati a settori!) e mantenimento nel tempo, sono quelli dei pali della luce, quotidianamente sotto i nostri occhi. Infine l’esigenza di messa a terra per le scariche da fulmine. Ogni accessorio per pennone, sia esso di attacco che di movimentazione della bandiera, viene realizzato artigianalmente e comporta spesso un rapido deterioramento della stessa. Per tutti i motivi riportati i pennoni in acciaio risultano assolutamente antieconomici in rapporto alle prestazioni offerte

B. Pennoni porta bandiera in alluminio conici

Anche qui si trovano disponibili le due versioni: conici continui e a settori con diametri digradanti. In quest’ultimo caso, i diversi tratti di tubo vengono forniti smontati con assemblaggio di giunzione a carico del committente; unico vantaggio le più ridotte lunghezze per il trasporto, a scapito, però, di un notevole scadimento dell’aspetto estetico. Quanto a qualità e leggerezza, per movimentazione ed installazione, risultano decisamente preferibili rispetto a quelli in acciaio essendo anche in genere meglio accessoriati . Per il resto, permangono tutte controindicazioni legate ai materiali metallici, prima fra tutte la conducibilità elettrica e quindi l’opportunità della messa a terra. I costi sono in genere comparabili a quelli in vetroresina.

E pertanto:

Conclusioni

I pennoni portabandiere in vetroresina rappresentano la sintesi massima di qualità, funzionalità ed economicità richieste ai pennoni portabandiera essendo oltretutto il risultato di una lunga evoluzione che ha trovato la sua massima attenzione in Svezia, loro terra d’origine nella metà del secolo scorso.

 

Questo sito fa uso di cookie per offrire una migliore esperienza di navigazione. Per maggiori dettagli clicca qui.

Accetto cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information